Guida alla cura

Cura del tatuaggio

GUIDA ALLA CURA DEL TATUAGGIO

  

Per una buona riuscita del tatuaggio, affidarsi ad un tatuatore professionista è il primo passo, ma non è tutto. È di fondamentale importanza, infatti, prendersi cura del tatuaggio durante il periodo che segue all’esecuzione del tattoo. È importantissimo proteggerlo dagli agenti esterni, come germi, batteri e sporco; è necessario prestare molta attenzione all’aftercare affinché la pelle tatuata si rigeneri rapidamente permettendo la perfetta riuscita del tatuaggio.

COSA FARE APPENA TERMINATO IL TATUAGGIO:

Terminata l’esecuzione del tatuaggio, il tatuatore pulirà e disinfetterà la parte tatuata. La pelle risulterà arrossata e stressata quindi chiedigli di applicare sulla parte tatuata un leggero strato di FIXER di Tattoolicious. FIXER ha una funzione lenitiva, calmante ed antibatterica ed è un prodotto specifico per la cura del tatuaggio. Subito dopo il tatuatore coprirà il tatuaggio con una pellicola trasparente per proteggere la pelle. Senza la pellicola, i batteri potrebbero penetrare attraverso la ferita nelle ore successive all’esecuzione. Per quanto tenere il bendaggio? Il tempo varia dalle due alle quattro ore, ma questo dipende dalla tipologia e dall’estensione del tuo tatuaggio. Sarà il tatuatore a valutare il tempo necessario e a darti la giusta indicazione.

Cura il tatuaggio appena fatto

CURA DEL TATUAGGIO NELLE PRIME ORE:

La cura del tatuaggio nelle prime ore successive alla sua esecuzione è fondamentale per evitare il rischio di infezioni. Una volta a casa, rimuovi la pellicola protettiva. E' necessario lavare accuratamente il tatuaggio con acqua tiepida o fredda e un detergente delicato. Lo scopo è di eliminare eventuali residui di colore in eccesso. Utilizza solo le mani, ben pulite, massaggiando piano ed evita di strofinare con spugne o panni perché potresti danneggiare il tatuaggio. Il detergente  dovrà essere ipoallergenico e il più naturale possibile, per non alterare il Ph della pelle.